Ti presento una Creativa

Perchè "fare rete" si sa... è utile a tutti!

Con questa nuova rubrica ti voglio presentare alcune creative che, come me, hanno uno shop su A Little Market. Voglio che il 2017 sia un anno di condivisione e di crescita, per tutte noi!





Grazie al gruppo facebook di Gioia Gottini "I Mercoledì della Mansardina" sto conoscendo un sacco di bellissime persone, creative, freelance e amanti del fatto a mano. E siccome la fortuna va condivisa, ho deciso che dedicherò una rubrica sul blog per conoscere chi sono, cosa fanno ed ovviamente le loro meravigliose creazioni.

Ho già raccolto una serie di nomi e di creazioni che ti faranno sgranare gli occhi! Se ne conosci qualcuna da suggerirmi o se anche tu, come noi, sei una creativa e vuoi presentarti, sei nel posto giusto! Scrivimi!

Spero di averti incuriosito almeno un po'... ci vediamo presto per il primo appuntamento di "Ti presento una Creativa".

A presto
Miki


Un regalo per te

Siamo finalmente arrivati al 24... la folle corsa verso il Natale è finita anche per quest'anno!
Avrei voluto crearti un sacco di post con idee per personalizzare la tua tavola, per giocare con i bambini, per rendere un po' più speciale il Natale. 
Purtroppo il lavoro, gli impegni e , fortunatamente, gli ordini da evadere (grazie!!!) mi hanno tenuta sempre lontana dal computer e non sono riuscita a fare nulla di quello che avevo in mente!

Devo farmi perdonare e per questo ho deciso di creare un codice sconto  del 20% utilizzabile su tutti gli acquisti fatti nel mio shop a partire da oggi fino alla mezzanotte del 31.12.2016.

Cerca tra il mio shop tutto ciò che vuoi acquistare ed in fase di conferma ordine utilizza il codice sconto AUGURI2016. Ti ricordo che la spedizione è sempre gratuita per ordini superiori a €50!

Spero di averti farto un regalo gradito e che anche il tuo Natale ora possa essere un pochino più speciale!

Tanti auguri!

A presto
Miki

Il mio quiet book - 7° puntata

  

Eccomi qui, finalmente ci siamo!
Devo chiederti scusa per il ritardo ma il caso ha voluto che, fortunatamente, nel periodo Natalizio io fossi molto occupata a realizzare un sacco di regali che molti hanno scelto di mettere sotto il loro albero. Ve ne ringrazio tantissimo!

Ma ora, torniamo a noi...siamo arrivati al termine del nostro quiet book!!!
Tra poco ti spiegherò come assemblare le pagine alla copertina. Pronta??

Il mio quiet book - 6° puntata

Ci siamo, oggi cuciremo le ultime due attività e la prossima (ed ultima) puntata sarà dedicata all'assemblaggio con la copertina del nostro quiet book.

Il mio quiet book - 5° puntata

Bentornata.
Oggi ci aspettano queste due nuove pagine, partiamo!




La "lista nascita": la migliore scelta di una neomamma!

Photo Credit http://www.deabyday.tv

Quando ero incinta e non avevo nessuna esperienza con i piccoletti, mi immaginavo e cercavo di capire cosa effettivamente mi sarebbe servito quando Anna sarebbe nata. Non nascondo che oggi, col senno di poi, molte cose avrei potuto evitarle (ma di questo te ne parlerò in un altro post) ma sul momento la lista sembrava essere davvero infinita!

Il mio quiet book - 4° puntata

Bentornata!
I lavori procedono e devo fare un ringraziamento! Ti devo ringraziare perché con l'impegno di pubblicare le puntate settimanalmente del tutorial, il mio quiet book, che giaceva sospeso da mesi, sta finalmente prendendo forma. Sarà un regalo di Natale fantastico per la mia piccola Anna.

Oggi realizziamo queste due attività: la boccia con il pesciolino ed il vaso di fiori colorati.




Il mio quiet book - 3° puntata

Bentornata! Come sta andando il lavoro al quiet book? Se vuoi mandarmi qualche foto, sarò felice di vederle!

Oggi realizziamo insieme il "paginone centrale", quindi una sola attività che occupa due pagine.






A Little Market - handmade italiano online

Da qualche settimana mi vedi condividere sulla mia pagina Facebook delle collezioni di oggetti creati handmade in vendita su una piattaforma chiamata A Little Market.
Se non hai ancora avuto modo di scoprirla, con questo post ti spiegherò di cosa si tratta e perché ho deciso anche io di vendere online qui le mie creazioni.

Il mio quiet book - 2° puntata

Bentornata! Come è andata la realizzazione delle prime due pagine?
Oggi continuiamo e cuciamo assieme queste due nuove attività: l'abbinamento della forma e del colore ed il mitico gioco del tris.




Sacchetti Mostri di Halloween - tutorial

Hai mai sentito parlare della Banda Del Calzino?
Clara Battello, alias Petit Pois Rose e Antonella Pal hanno organizzato il prossimo swap di Halloween chiamato MOSTRI A SORPRESA e la banda è diventata "La Banda del Calzino Mannaro".





Il mio quiet book - 1° puntata

Eccoci qui! Sei pronta ad iniziare a cucire il tuo Quiet Book?
Oggi realizzeremo assieme queste due pagine





Prima di tutto, prepariamo i materiali che ci serviranno, oggi e nelle prossime puntate.

Il mio quiet book - Introduzione al tutorial

Buongiorno! Oggi ti voglio parlare di un articolo per bambini che da poco, forse nemmemo due anni, sta spopolando su internet e che le mamme adorano.

Parlo dei quiet book, o silent book. Sono libri per bambini realizzati principalmente in stoffa e pannolenci e le pagine sono dedicate a diverse attività con sfondo educativo.

Per i più piccoli si tratta di attività ch sviluppano il senso del tatto principalmente (li chiamano anche libri tattili); le pagine possono raffigurare diversi soggetti realizzati con materiali che danno sensazioni differenti: cotone liscio, peluche, pelle e così via.



Una pagina del libro tattile di Sogni Risplendono


Per i più "grandicelli", invece, le attività proposte cercano di coinvolgere direttamente il bambino con semplici compiti: l'apertura di una cerniera, l'abbinamento forme/colori o anche l'allacciatura di una scarpina con le stringhe.


Factory Market - #spreadthelove


fonte http://scarletvirgo.com


Hai presente quelle fiere dell'handmade fighissime, dove trovi creazioni artigianali davvero uniche, pezzi vintage introvabili e dove c'è davvero un sacco di bella gente? Finalmente anche a Bergamo è arrivata, precisamente ad Alzano Lombardo, allo Spazio Fase, presso la vecchia fabbrica delle storiche Cartiere Pigna.

Già di per se, la location ti lascia senza fiato, un edificio di fine '800, stanzoni openspace con vecchie colonne, soffitti altissimi e vetrate immense per non parlare poi dell'atmosfera che si respira passeggiando tra i banchi.


aBubu: complementi d'arredo di ispirazione montessoriana

Ciao, oggi ti voglio parlare di una piacevole scoperta che ho fatto durante una delle edizioni primaverili del Factory Market.




Lei è Gaia e la sua creazione si chiama aBubu. Nessuno meglio di lei potrebbe spiegarlo meglio, quindi le ho proposto questa piccola intervista che so per certo ti piacerà!

Il Fasciatoio di MammaMiki

Oggetto del desiderio di molte mamme... Avere tutto  l'occorrente a portata di mano esattamente nel momento in cui serve, soprattutto mentre si cambia un pannolino pieno!



Era un po' di tempo che pensavo di realizzarlo ed inserirlo tra i prodotti MammaMiki ma, anche girovagando on-line per trovare la giusta ispirazione, per capire quali fossero le caratteristiche che non dovevo tralasciare, ho capito che nessuno di quelli che trovavo faceva al caso mio.

Ho preso carta, penna e metro e me lo sono costruita partendo da zero. Quello che sto per mostrarti quindi è il mio primissimo prototipo di fasciatoio portatile.

Tovaglietta Montessoriana - Tutorial

I bambini giocano a "fare finta" semplicemente
perché non permettiamo loro di "fare davvero"!
- Maria Montessori -


Quando mi sono imbattuta on-line nella prima tovaglietta montessoriana ho esclamato "WOW, che figata! La voglio cucire anche io!".




Non è un progetto difficile da realizzare, è davvero alla portata di tutti, occorre solo avere un minimo di abilità nel cucire a macchina.

Nella versione che ho creato, ho inserito una tasca porta tovagliolo/bavaglia molto utile per tenere tutto in ordine ed insegnare al bambino le abitudini da seguire in tavola.

Sei pronta? Corri a cucire!

* * *

Materiale occorrente:

Tessuto per esterno 52x37 cm
Tessuto per fondo interno 42x37 cm
Tessuto per tasca laterale 12x37 cm
Tessuto per fondo fascia 12x32 cm

Le misure indicate comprendono già un margine di cucitura di 1 cm.

Ritagli di tessuti coordinati per le applicazioni
Carta termica adesiva per applicazioni

* * *
Preparare tutti i tagli di tessuto necessari (nel caso si volesse rendere la tovaglietta imbottita, la misura dell’imbottitura sarà la stessa del tessuto per l’esterno).


Piegare a metà il tessuto della tasca, stirare e fissare con una cucitura il bordo superiore della tasca.


Applicare quindi la tasca alla fascia laterale spillando i tre lati della tasca.


Unire il tessuto per il fondo interno al tessuto per la fascia laterale dritto contro dritto e cucire il lato lungo della fascia con il tessuto di fondo, lasciando 1 cm di margine.


Distendere il lavoro e, sul rovescio, stirare le cuciture aperte per appiattirle.

Preparare le sagome disegnate sulla carta termica adesiva per applicazioni.
(Ricordate che i disegni che intendete trasferire dovranno essere disegnati sulla stoffa specchiati).


Stirare sul rovescio dei tessuti scelti per le applicazioni le sagome di carta precedentemente disegnate e, una volta raffreddate, ritagliare le sagome seguendo i disegni.


Appoggiare quindi le sagome di tessuto sul fondo interno e decidere la gusta posizione. Quando avrete trovato la vostra disposizione ideale procedere a fissare le sagome sul tessuto con il ferro da stiro, dopo aver rimosso la carta dal retro delle sagome.

Se avete un’etichetta come la mia, scegliete la posizione ed applicatela adesso.


Cucire con un punto ricamo a vostro piacimento tutto intorno alle sagome applicate.


Appoggiare, dritto contro dritto, il tessuto per esterno al tessuto composto sopra e cucire tutto il perimetro lasciando un’apertura di circa 10 cm per risvoltare il lavoro.


Tagliare gli angoli del rettangolo ottenuto al rovescio, facendo attenzione a non tagliare le cuciture.




Risvoltare il lavoro aiutandosi con un bastoncino e stirare facendo attenzione agli angoli.


Puntare con degli spilli l’apertura che abbiamo lasciato per risvoltare il lavoro, piegando all’interno i bordi delle stoffe.


Chiudere tutto il lavoro facendo un’impuntura lungo tutto il perimetro della tovaglietta.

Spero che il tutorial ti sia piaciuto e che sia stata abbastanza chiara nei passaggi.
Mandami i tuoi suggerimenti e le foto del tuo lavoro, sarò molto felice di vederlo.

Ti ricordo che il prodotto del tutorial è esclusivamente per uso personale.

A presto, Miki


Terrible Two

Ci siamo! Lo scorso 17 agosto abbiamo spento le candeline, abbiamo raggiunto i due anni tondi, ed ora che ci aspetta? Cosa sono questi famosi "Terrible Two"?

Che sia al 24° mese o molto vicino, prima o poi arriva il momento in cui il nostro gioiellino che prima era tutto carino e coccoloso, si trasforma in un piccolo mostriciattolo frignoso e pretenzioso! 

Fonte http://www.parents.com

E adesso? Che ho fatto di male??? Nulla!
Sembra che sia una fase che prima o poi, tutti i bimbi (ed i genitori) sono destinati ad affrontare. È la fase in cui il bambino viene a conoscenza di essere un individuo indipendente, separato dalla madre, che ha propri bisogni e soprattutto che può esprimerli.

Il barattolo della calma - Tutorial


Il barattolo della calma, conosciuto anche come calming jar, è uno strumento ispirato al metodo Montessori (qui puoi leggere qualcosa a riguardo) che viene utilizzato per ristabilire la tranquillità e la giusta calma nei bambini dopo un pianto od un capriccio isterico.

Il barattolo aiuta i bambini a calmarsi, osservandone il contenuto, e li predispone ad un maggiore ascolto nei confronti dei genitori.


Il contenuto risulta essere molto rilassante poichè contiene brillantini colorati (solitamente si sceglie un colore che tranquillizzi, come il blu o il verde) che si muovono lentamente cadendo sul fondo. Ricorda un po' le famose palle di neve con il classico paesaggio natalizio all'interno, ricordi?


Ho cercato online le istruzioni per poterlo realizzare in casa e tra le tante che ho trovato ho deciso di provare questa:





Il Metodo Montessori

Partiamo con un pochino, giusto la base, di storia...

Maria Tecla Artemisia Montessori (Chiaravalle, 31 agosto 1870 – Noordwijk, 6 maggio 1952) è stata un'educatrice, pedagogista, filosofa, medico e scienziata italiana, internazionalmente nota per il metodo educativo che prende il suo nome, adottato in migliaia di scuole materne, primarie, secondarie e superiori in tutto il mondo; fu tra le prime donne a laurearsi in medicina in Italia. (Fonte Wikipedia)

Se hai voglia di leggere l'intera biografia, ti lascio il link diretto qui.

Fonte Pinterest


Il Gioco del Memory

Quando ero piccola avevo una scatola di questo gioco con le tessere che rappresentavano gli animali e la natura.
Ricordo molto bene le innumerevoli partite giocate con la mia famiglia. Ai tempi, mio fratello era ancora piccino...ed io, con i miei dieci anni, vincevo sempre di gran lunga contro "i grandi", la memoria fotografica che sviluppava questo gioco era pazzesca.

Se non lo conosci, il Memory è un gioco di carte composto da coppie di figure che vengono disposte sul tavolo con il disegno nascosto. A turno, ogni giocatore scopre due tessere per trovare quelle con lo stesso disegno. Se la coppia viene trovata, si prosegue con la ricerca, se invece la coppia non è stata trovata, si rigirano le tessere posizionandole nello stesso punto dove erano inizialmente e si passa il turno. Ovviamente vince chi al termine ha scoperto più coppie. Molto semplice!




Nasce così il logo MammaMiki



Destinazione Rodengo Saiano...ci siamo, sono le 9.30 in orario perfetto!

Alfonso Di Mauro, in arte Mr. Bufo (qui la sua pagina facebook) ci prepara il caffè e ci accoglie nel suo studio che sembra il salotto di Sheldon Cooper...fantastico! 


L'importanza di avere un blog


Da circa un paio di anni, ho la passione del cucito creativo che ha fatto nascere "MammaMiki" e fino ad un anno fa, nemmeno avevo una mi spagina facebook, mi limitavo a cucire piccole cose commissionate dalle amiche o direttamente per la mia bimba. 
Il passaparola è sempre, a parer mio, la migliore forma di pubblicità, ma ho dovuto ammettere che negli ultimi tempi se non sei sui social...non sei praticamente nessuno!